Curriculum
foto di Andrea Abati (Dryphoto)

ROBERTO NANNETTI - Chitarrista, didatta, compositore e arrangiatore.

Prima formazione musicale:

Nato a Monteroni d’Arbia il 23/05/1955. Chitarrista, compositore, arrangiatore e didatta.
Inizia a suonare la chitarra all’età di 12 anni, facendo esperienza in vari gruppi pop-rock di quel periodo, fra i quali si distingue nei primi anni ‘70 il “Livello 7”, gruppo segnalato nel libro “Anni di Musica” (Sonora 2003) e vincitore del premio “Lazio”. In seguito si unisce al “Mondo alla rovescia”, gruppo di ricerca sulle musiche di tradizione popolare dove suona il violino. Alla fine di quel periodo intraprende i primi studi di jazz con Sergio Mandini a Bologna e inizia l'insegnamento di chitarra a Siena alla Scuola di Musica “Diapason” collaborando alle iniziative dell'Associazione Siena Jazz. Frequenta i Seminari Senesi di Musica Jazz e partecipa ad uno stage con Barney Kessel .
Incontra Joe Pass con cui stringe una conoscenza referenziale come guida e riferimento stilistico formativo.

Esperienze professionali:

Inizia la professione di “stage musician” lavorando con alcuni autori italiani e partecipando a trasmissioni televisive (Fantastico, Domenica In..., Maurizio Costanzo Show, San Remo '89 ecc.), a registrazioni e collaborazioni discografiche (Sergio Caputo LP “No Smoking” CGD, Tony Sheridan CGD). Nell'86 insegna Improvvisazione e Musica d'Insieme a “Il Centro” di Cremona.
Dall'87 è docente ai corsi invernali di Musica Jazz dell'Associazione Siena Jazz (C.P.M. di Siena, Corsi di Improvvisazione). Nell'89 partecipa a Umbria Jazz con il gruppo LARES e forma un suo quartetto (con Sergio Gistri, Nicola Vernuccio e Daniele Fusi) con il quale nel ‘90 realizza il suo primo CD come leader (Roberto Nannetti “Waiting for you” yvp music) e a cui collabora Stefano Cantini. In quintetto con Giulio Visibelli, Sergio Gistri, Nicola Vernuccio e Andrea Melani si esibisce in vari clubs italiani e partecipa alla Rassegna del Jazz Italiano “Città di Siena” presentando un nuovo lavoro intitolato “Il labirinto”, una suite ispirata al mito del Minotauro. Nel ‘92 crea insieme a Francesco Petreni e Franco Fabbrini (per un periodo sostituito da Ares Tavolazzi) il “Trio Acustico Latino”, in seguito esteso a “Quartetto Acustico Latino” con l’aggiunta del sassofonista e clarinettista tedesco Klaus Lessmann. Con questo gruppo partecipa a varie rassegne italiane e si esibisce inoltre nel ‘94 al Festival di Ulm e Burghausen e nel ‘96 a Stuttgart.
Dal ‘92 insegna al “C.P.M. di Siena - Corso di Perfezionamento Musicale”, alla Scuola di Musica dell'Associazione ANAGRUMBA di Arezzo e alla Scuola popolare di S. Giovanni d'Asso.
Dal ‘93 riprende a lavorare nel campo della musica leggera con il cantautore Sergio Caputo proponendo una versione “unplugged” (in duo) delle composizioni di quest'ultimo. Nel ‘95-‘96 partecipa alla registrazione dell’album “I love jazz” di Sergio Caputo, che lo vede anche autore del brano “Quasi per caso”, e partecipa al tour in quartetto con Giulio Visibelli, Lello Pareti e Ettore Bonafè.
Inizia a scrivere un metodo per la chitarra moderna che riunisca insiema le esperienze di molti anni di insegnamento e degli incontri con svariati musicisti e nel ‘97 ultima i primi due quaderni che riguardano la tecnica della mano destra e sinistra.

Continua l’esperienza del Quartetto Acustico Latino con cui si esibisce in vari clubs italiani e rassegne di jazz e con il quale registra nel ‘98 il CD “L’uomo che canta”, con la partecipazione di Barbara Casini, Alberto Borsari, Luciano Biondini, Giulio Visibelli e Ettore Bonafè.
Nel ‘97-’98 riprende la collaborazione al quintetto di Sergio Caputo e alla realizzazione del CD “Serenadas”:partecipa a varie trasmissioni televisive tra cui S. Remo 1998, Domenica In, Mai dire Gol etc.
Nell’ estate ’99 partecipa ad alcune rassegne di musica jazz in Germania con il bassista Franco Fabbrini.
Nel 2001 nasce il gruppo teatral-musicale "Il Labirinto" orchestra laboratorio di ricerca sulle tradizioni popolari musicali afro-brasiliane . Con questo gruppo e nell’ambito del progetto interculturale “Sconfinando” è ideatore dello spettacolo "Bartolomé de las Casas".

Si specializza in alcuni aspetti dell’informatica musicale e inizia una collaborazione continuativa con il laboratorio di Informatica dell’Università di Siena, partecipando a vari progetti
Nel 2003 partecipa alla registrazione del disco DOCG Wines&Jazz con Marco Tamburini, Giulio Visibelli, Paolino Dalla Porta e Francesco Petreni e si esibisce con il gruppo "Juice" alla rassegna "Terni Jazz".
Seconda edizione dei quaderni di tecnica chitarristica.
Nel 2004 forma un quartetto con Giulio Visibelli, Paolino Dalla Porta e Francesco Petreni e pubblica il cd "Don Quijote", inspirato alle gesta del noto personaggio del libro di Cervantes.
Inizia una collaborazione con il percussionista brasiliano Gilson Silveira con cui si esibisce e realizza alcune composizioni
Nel 2006 nasce il quartetto EGG con la collaborazione del clarinettista Mirco Mariottini e completato da Franco Fabbrini e Francesco Petreni
Nel 2007 si laurea in Filosofia all’Università di Siena, con il prof. Antonio Rizzo, Scienze della Cognizione, con la tesi “Il Potere Dialogico della Musica: Manipolazione, Referenzialità e Ritmo”
Nel 2008 con il quartetto Mariottini-Nannetti-Fabbrini-Bonafè si esibisce per il Festival Contemporaneamente Barocco (FCB) insieme al quartetto barocco “la Bella Maniera”, scrivendo per il doppio quartetto il brano “Follia d’aujourd’hui”. Nell'orchestra Labyrinto partecipano a più riprese Barbara Casini, Gilson Silvera e Mirco Mariottini.
Nel biennio 2008-2010 insegna Informatica musicale per InJam,(International Jazz Master in Improvisation Techniques)
Nel 2009 con il progetto EGG partecipa al Jazz Festival di Izmir e ad un seminario dell’Accademia IKSEV di Izmir in Turchia.
L'orchestra Labyrinto rinnova il suo organico immettendo un quartetto d’archi e l’arrangiatore Marcello Faneschi.
Con questo organico incontra e si esibisce con il chitarrista e compositore brasiliano Guinga.
Nuovo progetto di trio etno-acustico Theta, con Franco Fabbrini e Ettore Bonafè.
Seconda partecipazione al Festival Contemporaneamente Barocco (FCB)
Nel 2010 si confronta con due grandi opere del cinema muto proponendo delle sonorizzazioni, composizioni originali e improvvisazioni per: “ La passion de Jeanne d’Arc” del 1928 diretto da Carl Theodor Dreyer insieme a Mariottini, Fabbrini e la cantante lirica Marta di Cosmo e “Metropolis” del 1927, il capolavoro del regista austriaco Fritz Lang, insieme a Mariottini, Fabbrini e Petreni.
A fine anno esce il cd “Urla” del quartetto Egg Project che viene presentato al Festival di Padova ed in seguito, nel marzo 2011 al Jazz Festival di Izmir e dove insegna per la seconda volta al seminario dell’Accademia IKSEV.
Con il pianista Alessandro Giachero condivide lo “String Jazz Master”, nuovo corso della Fondazione Siena Jazz dedicato agli archi, all'arrangiamento e alla direzione di un ensamble da camera dedicato a varie frammistioni tra musica jazz e classica.
Nel 2012 si diploma al Conservatorio G.B.Martini di Bologna con 110 e lode.
Si esibisce al Teatro dei Rozzi con un programma di guitar solo al Siena Guitar Festival 2012.
Nelo stesso anno inizia l'insegnamento al SJU, Siena jazz university, e nei corsi preaccademici (afam) attivati dalla Fondazione.
Nel 2013 con il trio CAMANA riprende una collaborazione con la cantante Barbara Casini e il clarinettista Mirco Mariottini.
Pubblica il cd "Labyrinto, mi arrangio, suono e canto..." dedicato ad arrangiamenti originali e d'autore per un piccola orchestra da camera.

Nel 2015 inizia una collaborazione con alcuni musicisti di formazione classica come la violinista ungherese Renata Lacko con cui si esibisce in alcuni teatri e alcune rassegne e la cellista olandese Caroline Boersma.
Nel 2017 con il trio Mizar realizza un repertorio dedicato alla musica armena (Khachaturian, Komitas) di cui cura gli arrangiamenti ed addattamenti.

 

TITOLI DI STUDIO:

  • Laurea Specialistica in jazz – Conservatorio “G.B.Martini” – Bologna, 2013 (110 e lode)
  • Laurea in Filosofia – Università degli Studi di Siena, 2007 (110 e lode)
  • Diploma di Maturità Scientifica – Liceo G.Galilei, Siena, 1974 (54/60)

Festival e Rassegne:

Rassegna sulla Cultura Armena, Salone Borromiano, Roma –
Motus, Terzo Movimento, Teatro Rinnovati, Siena –

Rassegna Musica fuori, Teatro San Carlo, Modena   

41° Cantiere Internazionale dell’arte, Montepulciano -

Siena Guitar Festival 2012, Teatro dei Rozzi, Siena
Caz Festivali, Izmir, Turchia -

Padova Jazz Festival, Hotel Plaza, Padova –
Bologna Jazz Festival, Galleria Civica, Modena -

Rassegna Suoni d’America, Noli –
Festival delle Crete Senesi, Rapolano Terme, SI
Festival Contemporaneamente Barocco, Teatro de Rozzi, Siena -

Terni in Jazz
Accordion Jazz Festival, Pineto, TE -

Rassegna Estiva Siena Jazz, Siena
Festival di Stuttgart -

Festival di Ulm -

Festival di Burghausen

Seminari attivati:

  • Seminari Senesi di Musica Jazz 2004
  • Seminari Senesi di Musica Jazz 2005
  • Seminari Senesi di Musica Jazz 2006
  • Seminari Senesi di Musica Jazz 2007
  • Jazz Workshop Izmir (Turchia) – 2009
  • Seminari senesi di settembre – Settembre 2010
  • String Jazz Master – Dicembre 2010/Giugno 2011
  • Jazz Workshop Izmir (Turchia) – Marzo 2011
  • Seminari senesi di settembre – Settembre 2011
  • Seminari senesi di settembre – Settembre 2013
  • Seminari senesi di settembre – Settembre 2014
  • Seminari senesi di settembre – Settembre 2015
  • Seminari senesi di settembre – Settembre 2016

 

Discografia:

  • Nosso Mundo, Roberto Nannetti/Gilson Silveira, Entropya,2018
  • Labyrinto (piccolo insieme da camera) – R.Nannetti/M.Faneschi, Enthropyia,2013
  • Urla , EGG Project, SienaJazz, 2010
  • Don Quijote, Roberto Nannetti Quartet, Enthropyia, 2005
  • L’uomo che canta Quartetto acustico latino, Acoustic Music Record, 2000
  • Waiting for you, Roberto Nannetti, YVP, 1990